Future Dow Jones oggi previsioni andamento Borsa di New York 2022

Borsa Wall Street oggi

Future Dow Jones oggi analisi tecnica luglio-agosto 2022

Future Dow Jones oggi previsioni nel breve e luglio termine mediante i cicli economici-temporali dello statista americano WD Gann.

 

Grafico di Borsa Indice Dow Jones

Future Dow Jones oggi
Indice Dow Jones settimanale 13.07.22

Future Dow Jones previsioni

Dal periodo di giugno 2021 fino a dicembre dello stesso anno, il mercato dell’Indice Dow Jones ha cominciato gradualmente a perdere la spinta di accelerazione ascendente, per lasciar spazio ad una lateralità positiva culminata nella settimana del 07 gennaio 2022.

A seguito della scadenza del Set Up weekly del 21 gennaio 2022 l’Indice americano ha eseguito una accelerazione negativa, che ha portato le quotazioni sotto 32.270 punti, ben al di sotto del minimi che si erano generati precedentemente a seguito del trading range.

Sebbene nel periodo di marzo aprile scorsi abbiamo osservato un pull-back positivo, la forza propulsiva del mercato americano è stata respinta in area 35.300 a causa dell’angolo 1X2 discendente che in diapositiva è indicato con un vettore giallo.

Infatti da un top a 35.492 nella settimana del 29 aprile, le quotazioni sono scese nella settimana del 20 maggio a 30.635 sul supporto angolare 1X4.

L’ultimo minimo quello del 17 giugno l’Indice della Borsa di New York ha raggiunto 29.653 punti, per eseguire in queste prime settimane di luglio una nuova area di lateralità.

Il prossimo segnale di breve scadrà nella settimana del 15 luglio 2022.

Il ritorno sotto quota 30.320 punti confermerà la negatività di breve, con primi supporti a 30.025; 28.980.

Andamento Dow Jones medio periodo

mercati finanziari oggi
Indice Dow Jones mensile 13.07.22

Come si può notare dalla foto appena sopra, le quotazioni dell’Indice Dow Jones tra agosto 2021 e gennaio 2022 hanno raggiunto il lato superiore del corridoio rialzista di lungo periodo costituito dagli angoli 1X1.

Con la formazione dell’out-side ribassista in gennaio 2021 il mercato americano ha avviato una nuova fase discendente confermato dall’ultimo Set Up mensile di giugno.

Nello scorso mese infatti la dinamica discendente della Borsa di New York ha avuto una nuova accelerazione che portato le quotazioni sul supporto angolare 1X1, che costituisce una linea mediana all’interno del canale.

Per prezzi inferiori a 29.620 punti il trend correttivo verrà ulteriormente confermato, con supporti in area 27.100, resistenze a 32.220.

Analisi tecnica Borsa americana lungo termine

Borsa americana Indice Dow Jones
Indice Dow Jones mensile 13.07.22

La dinamica rialzista di lungo periodo che aveva caratterizzato il periodo tra il secondo trimestre 2020 ed il quarto trimestre 2021 è terminata.

Nel primo trimestre 2022 infatti abbiamo avuto la negazione del segnale temporale scaduto l’ultimo trimestre 2021 ed il Quadrato di Minimo scaduto nel secondo trimestre ha confermato la debolezza della Borsa statunitense.

Prossimi supporti area 27.370 punti.

Segnali di trading Indice Dow Jones

Una delle innovazioni più importanti che introdusse William Delbert Gann nell’ambito degli investimenti e del trading fu la correlazione delle due dimensioni del prezzo e del tempo attraverso un modello matematico geometrico lineare.

Grazie a questa innovazione è possibile individuare il Drift ed il Variance Rate del mercato ed i vari rapporti matematico geometrici del prezzo-tempo generano i supporti e le resistenze dinamiche.

Un ulteriore scoperta nell’ambito dei cicli temporali Naturali e Dinamici trovati da Gann sono le varie sezioni interne che generano i Set Up temporali o segnali di trading.

In questi Pivot temporali si riscontrano i maggiori cambiamenti del trend sia nel breve che nel lungo periodo.

Il software di Borsa Top Trader(c) è stato creato in modo da applicare correttamente la tecnica di Gann su tutti i titoli e mercati quotati.

 

 

 

Rate this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Check Also

FARE TRADING CON LA TECNICA DI GANN

In passato molti economisti hanno tentato di creare un modello matematico soddisfacente che potesse predire la dinamica degli scambi